Blog indipendente di critica sugli artifizi semantici del regime. Fino a che significherà qualcosa, l’autore invoca la protezione dell’art. 21 della Costituzione Italiana.

Come la svalutazione programmatica della conoscenza originata nei luoghi di aggregazione tramite le relazioni interpersonali abbia atrofizzato le capacità cognitive del cittadino medio, disabilitandogli le funzioni più semplici di giudizio e discernimento. O, in parole da bar, come i media ti hanno sconnesso dalla realtà e ti facciano vivere nel merdaverso, o ancora più diretto, come fossi più informato e intelligente quando sparavi cazzate giocando a carte con i tuoi amici strambi.

Ai posteri che troveranno questa pagina, magari negli internet archives, tra qualche decennio io dico: il fatto è che 180.000 persone sono state uccise da un protocollo medico criminale e da coloro che lo hanno imposto e applicato.

E da questo punto di vista – che sicuramente sarà sbagliato – non emerge forse il dubbio estremamente concreto che il vero spauracchio del sistema sia proprio l’astensionismo? Il sospetto nasce dalla solita circostanza che è garanzia quasi assoluta di presenza di “marcio in Danimarca”: ti attribuiranno fin dal primo momento le loro colpe, i loro difetti e soprattutto la responsabilità, meglio la reità, delle loro paure.

C’è ancora gente che crede che negli ultimi tre anni un virus mortale abbia minacciato di cancellare l’umanità dalla Terra ma siamo riusciti a salvarci grazie a un farmaco miracoloso di alcune aziende americane. Che cazzo risvegli in questa gente? Al massimo la digestione puoi stimolare in questi soggetti (che votano, e il cui voto vale come il mio, vorrei ricordare).

Mi direte se sbaglio, intanto lo metto per iscritto qui: riesumeranno la finta dicotomia destra-sinistra, ridisporranno i soliti temi sociali a ventaglio in modo da prendere tutti i voti degli zombie cognitivi e, tra i voti dell’immarcescibile base elettorale e l’astensionismo da delusione/rassegnazione, daranno vita a un’altra legislatura di democrazia parassitaria.

È già tutto pronto, sarebbe sufficiente prendere gli insegnanti sospesi e farne presidi, i carabinieri e i poliziotti sospesi e promuoverli, medici e infermieri sospesi e farne primari e dirigenti, gli imprenditori dissidenti e farne amministratori locali, i pensatori e gli intellettuali emarginati e assegnare loro incarichi di prestigio e operatività. In poche parole, basterebbe mettere quei 6 milioni di no-vax nei ruoli ora occupati da pidioti e avremmo un nuovo rinascimento.

ABOUT

Daniele Prati Design

DisSENSO RESISTENZA SEMANTICA è un blog a cura di Daniele Prati in cui si cerca di comprendere, tramite gli strumenti dell’analisi, la natura e la funzione della comunicazione rivolta al pubblico e quali, quando, quanti, come e da chi, vengano prodotti i significati che formano l’opinione pubblica e la società italiana.
Scrivi a disSENSO.

Vi sto cercando, ma voi trovatemi

RISORSE in rete

ROBA LEGALE

DisSENSO è un progetto di Daniele Prati, non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicità dall’autore.
Non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
Tutti i contenuti sono originali e utilizzati secondo licenza Creative Commons CC BY 4.0.

All contents by Daniele Prati and licensed under Creative Commons CC BY 4.0.

made with love for justice by

×
×

Basket